Perché „solo“ donne ?

Far parte di una band rappresenta l'accesso ideale alla musica popolare e al jazz, anzi è una condizione imprescindbile giacché questi generi musicali vengono suonati quasi esclusivamente in gruppo.

L'esperienza insegna: l'approccio è sensato. Maggiore concentrazione sul contenuto

La domanda se sia più opportuno per le giovani donne fare i primi passi in seno a un gruppo composto di sole donne anziché misto, non smette di far discutere.
Dalle esperienze raccolte negli ambiti in cui uno dei due sessi è dominante, ad esempio quello maschile nel mondo dell’informatica, emerge che per familiarizzarsi con questo ambito, può essere opportuno costituire un gruppo composto da sole donne. Il fatto di non badare alle differenze tra i sessi può avere effetti positivi soprattutto in termini di concentrazione sul contenuto, in questo caso musicale.

I workshop come complemento non come concorrenza alle offerte esistenti

Quest’offerta dà alle giovani donne la possibilità di scegliere l’ambiente in cui si sentono più a loro agio. In numerose località sono già proposti workshop misti aperti alle musiciste interessate. Le giovani donne che preferiscono suonare in gruppi composti esclusivamente da donne possono tuttavia scegliere di partecipare a un Female Bandworkshop.

Un’offerta completa l’altra, non si tratta di generare concorrenza o di proporre una soluzione unica.   

Più spazio e libertà nella scelta dello strumento

Secondo le dichiarazioni di animatrici socioculturali, rispetto alle ragazze i ragazzi sono più disinibiti nell’esprimere chiaramente e ad alta voce le proprie esigenze. Questo atteggiamento consente loro spesso di conseguire l’obiettivo auspicato, vale a dire conquistare più spazio o suonare lo strumento preferito.

 

Gli stereotipi (dis)inibiscono

Da ultimo va ricordato che ragazze e donne sono state e sono ancora escluse da gruppi musicali perché non corrispondono al modello di musicista o cantante degli uomini, giovani e anche meno giovani. Alcuni di essi continuano infatti ad esempio a essere convinti che le donne non siano capaci di suonare determinati strumenti (p. es. la batteria, il trombone, la tromba ecc.), che debbano avere un certo aspetto/stile o assumere un determinato atteggiamento (modelli), che distraggano eccessivamente gli uomini nel gruppo o che parlino (spettegolino) troppo.


Per maggiori informazioni si veda Estermann, Judith 2009 „Leitfaden Female Band Workshops“(il documento è disponibile in tedesco).  


© 2018 HELVETIAROCKT  • Impressum
Wir bedanken uns bei
• UnterstützerInnen
Stay up to date
  • Facebook
  • Twitter
  • Youtube
  • Instagram
  • Newsletter